Pressione alta: cos’è l’ipertensione arteriosa, sintomi e rimedi naturali

L’ipertensione arteriosa, meglio nota come pressione alta, è un disturbo che se trascurato può portare a conseguenze anche molto gravi. In questo articolo avremo modo di scoprire quali sono i fattori che contribuiscono ad alterare la pressione arteriosa e come identificare i sintomi. Inoltre, avremo modo di conoscere i rimedi naturali che contribuiscono a regolarizzarla.

Pressione alta: cos’è l’ipertensione arteriosa

Si tratta di un disturbo, la cui insorgenza può essere causata da diversi fattori. Nella maggior parte dei casi i fattori che contribuiscono alla pressione alta sono i seguenti:

  • L’età. Con l’avanzare degli anni si manifesta molto più frequentemente, tanto più da dover ricorrere a dei medicinali per tenerla sotto controllo.
  • La familiarità, ovvero la predisposizione genetica.
  • Sovrappeso e dieta scorretta. Una dieta squilibrata che predilige alimenti confezionati, grassi, ricchi di zucchero e sale, sono tra le maggiori cause.
  • Sedentarietà.
  • Abuso di alcool, fumo e caffè.
  • Stress. Fisico e psicologico.

L’alterazione della pressione arteriosa può essere dovuta o aggravata anche da alcune patologie, come il diabete.

Ipertensione e vita sedentaria

I sintomi della pressione alta: come capire se la pressione è alta senza misurarla

Il disturbo della pressione alta è piuttosto subdolo, in quanto i sintomi sono raramente identificabili. Ad ogni modo, se abbiamo dei frequenti mal di testa, se si ha la sensazione di respirare con difficoltà, o se il naso sanguina spesso, sono tutti sintomi riconducibili alla pressione alta. Tuttavia, sono anche sintomi che potrebbero essere causati da altre patologie e condizioni fisiche, ecco perché spesso i sintomi dell’ipertensione vengono sottovalutati.

Ricordiamo che l’ipertensione, se trascurata, può portare a conseguenze, anche molto gravi, a livello del cuore, dei reni, ma anche deficit cognitivi, e altro. Soprattutto, l’ipertensione non curata può causare l’infarto o l’ictus. Stiamo parlando di eventi che, nei casi più gravi, possono portare alla morte o lasciare conseguenze permanenti nel nostro corpo. Pertanto, dopo i 40 anni è bene controllare ogni tanto la pressione, anche se ci sembra di non avere alcun sintomo.

Come misurare la pressione in casa

Oggi, con la tecnologia che ci viene in aiuto, è possibile misurare la pressione anche in modo autonomo, senza il medico o il farmacista. Sono infatti presenti in commercio dei dispositivi elettronici, semplici da usare, che restituisco una lettura accurata della pressione arteriosa misurata in quel momento. Vediamo quali sono i migliori misuratori di pressione domestici:

Beurer BM 27. Il misuratore di pressione da braccio Beurer, consente la misurazione automatica della pressione e del battito cardiaco. E’ possibile memorizzare sino a 4 utenti e 30 misurazioni/cad.

Beurer BM 27 - misuratore pressione alta

OMRON X3 Comfort. Si tratta di un apparecchio dotato di centralina digitale e fascia da avvolgere intorno al braccio, clinicamente validato. Uno strumento professionale che consente di memorizzare sino a 2 utenti per 60 misurazioni/cad.

Misuratore di pressione alta - OMRON X3 Comfort

Rimedi naturali per abbassare l’ipertensione arteriosa

Per regolarizzare la pressione è necessario agire su più fronti. Naturalmente esistono dei farmaci, ma se la situazione non è così grave è possibile intervenire prima che possa creare gravi danni al nostro organismo.

Innanzitutto dobbiamo migliorare il nostro stile di vita, abbandonando le cattive abitudini e dedicandoci a quelle più salutari. Possiamo partire dall’alimentazione, in cui dovremo dare spazio al cibo naturale. Per intenderci quello che non ha subito troppi trattamenti.

Per una dieta equilibrata vi consigliamo di rivolgervi ad un nutrizionista. In queste righe possiamo però raccomandarvi di evitare gli zuccheri raffinati, il sale e i grassi in eccesso. Abbiamo già detto che tutti gli alimenti confezionati andrebbero evitati, come merendine, carne in scatola, snack, ecc., come anche gli alcolici, le bibite gassate, il fumo, e l’eccesso di caffè.

Ma non basta, dobbiamo anche iniziare a fare più movimento. Praticare dell’attività motoria regolare può salvarci la vita. E non stiamo esagerando.

Ad esempio, se possiamo dedicare almeno mezz’ora al giorno di attività aerobica che agevoli la regolarizzazione della pressione arteriosa. Come la camminata, una leggera corsetta, un giro in bici, aerobica, acquagym, e altro. L’attività aerobica va poi integrata con specifici esercizi fisici per l’ipertensione.

Già con queste semplici azioni quotidiane, possiamo vedere il nostro peso ridursi. Inoltre, se non incidono altri fattori, è molto probabile che riusciremo anche a tenere sotto controllo la pressione, senza dover arrivare ad assumere la fatidica pastiglietta.

Condividi
error: Content is protected !!