QUALE PLICOMETRO SCEGLIERE.

La guida che cercavi per capire quale plicometro scegliere, e farlo in base a tre fattori:

  • PRATICITA
  • PRECISIONE
  • COSTO

A COSA SERVE IL PLICOMETRO

Prima di qualsiasi altra cosa, è importante capire a cosa serva il plicometro, dopodiché passeremo alle operazioni di “pinzatura”.

Il plicometro viene utilizzato per misurare lo spessore delle “pliche sottocutanee”.
Le misurazioni vengono effettuate in punti selezionati. Lo spessore delle pliche sottocutanee risultanti viene quindi tradotto mediante le tabelle in una percentuale di grasso corporeo.

Gima ci offre una serie di istruzioni comode, come i modelli di plicometri che offre, e si rifà all’utilizzo del calcolo mediante la valutazione di 4 parti del corpo: bicipitale, tricipitale, sottoscapolare e sovrailiaca.
Mi permetto di consigliarti la sostituzione della sottoscapolare, in quanto molto difficile da prendere in maniera autonoma ed inserire la plica dell’anteriore della coscia (“pizzico” frontale sulla gamba, altezza 1/3 di femore dal bacino).

Consideriamo un aspetto MOLTO IMPORTANTE, la plicometria è un metodo di misurazione molto difficile e molto sensibile ad errore umano e strumentale, come ti dicevo nella guida sulla MISURAZIONE DELLA MASSA GRASSA.
E’ bene mettere in chiaro un paio di accorgimenti prima di accingerci all’acquisto e all’utilizzo del plicometro:
– NON E’ ASSOLUTAMENTE ADATTO A SOGGETTI IN SOVRAPPESO;
– è sconsigliato utilizzarlo se non si hanno competenze tecniche di un certo rilievo.

Insomma, la bilancia digitale impedenziometrica risulta molto più pratica ed efficiente in casa, ma è giusto conoscere come utilizzare questo strumento se si vuole imparare qualcosa di nuovo.

COME MISURARE LE PLICHE

  • Individuare e misurare con cura ogni spessore della plica sottocutanea. I risultati possono variare se le misurazioni non vengono effettuate in modo coerente nella posizione esatta con lo stesso “pizzico” della plica sottocutanea e la pressione del plicometro.
  • Per ogni localizzazione della plica sottocutanea utilizzare la stessa procedura di misurazione.
  • Prendere la misurazione della plica sottocutanea direttamente sulla pelle, non attraverso l’abbigliamento.
  • Sollevare e tenere la plica sottocutanea con una mano, utilizzare l’altra mano per misurare lo spessore della plica sottocutanea con il plicometro.
  • Prendere tre misurazioni per ogni punto della plica sottocutanea. Lo spessore della plica sottocutanea finale di questo punto è la media di tre letture.
  • Con una matita dermografica, contrassegnare il punto di misurazione sulla plica sottocutanea.
  • Sollevare la plica sottocutanea con il pollice e l’indice della mano sinistra.
  • Applicare il plicometro al punto della pelle in modo che la marcatura contrassegnata con la matita dermografica sia a metà tra le pinze del plicometro.
  • Rilasciare il pollice destro dalla leva del plicometro in modo che le punte delle pinze possano esercitare la loro forza totale sulla plica sottocutanea.
  • Leggere le misurazioni della plica sottocutanea (in millimetri) direttamente sulla scala graduata del plicometro.
  • Leggere ancora due volte la misurazione. Per ottenere risultati accurati, è necessario un totale di tre misurazioni per ogni punto.
  • La lettura della plica sottocutanea per il punto è data dalla media delle tre letture.
  • Lettura media della pelle = (L1 + L2 + L3) / 3.

DOVE FARE LA PLICOMETRIA

Considerando il fatto che esistono diversi punti sui quali impostare il lavoro, opterò nel proporti le zone più comuni e più facili da raggiungere.

immagina guida GIMA

PLICA SOVRAILIACA
Sopra la cresta iliaca nella linea medio-ascellare (circa un pollice
sopra l’osso dell’anca a un angolo di 45 gradi rispetto alla verticale).
Segnare il punto circa un centimetro sopra l’osso dell’anca.
Quando si prende la misurazione, il plicometro deve essere
orientato a 45 gradi.

immagine guida GIMA

PLICA TRICIPITALE
Tra la punta del processo olecranico dell’ulna (gomito) e il processo acromiale della scapola (spalla).
Segnare il punto sul dorso del braccio a metà strada tra la punta del gomito e il contrassegno della spalla
che dovrà essere in mezzo tra le pinze del plicometro.

immagine guida GIM

PLICA BICIPITALE
Punto medio del muscolo (in genere questo sarà opposto al capezzolo).
Segnare il punto a metà strada tra il muscolo del bicipite FLESSO. Quando si prende la misurazione,
il muscolo (braccio) deve essere RILASSATO e in posizione perpendicolare.

Esistono anche altri punti per misurare la percentuale di grasso corporeo, come ad esempio il sottoscapolare (improponibile da fare in solitudine, come ti dicevo qualche riga fa) e quindi la scelta per un punto assai più comodo come il frontale del quadricipite altezza RETTO FEMORALE.

Potrai sfruttare la forumala di Jackson & Pollock.

Calcolo della % di massa grassa: 3 pliche uomo

Densità corporea = 1.10938 – (0.0008267 x somma 3 pliche) + (0.0000016 x (somma 3 pliche2)) – (0.0002574 x età)

%FM = (495/Densità corporea) – 450

Calcolo della % di massa grassa: 3 pliche donna (Jackson & Pollock) .

Densità corporea= 1.0994921 – (0.0009929 x somma 3 pliche) + (0.0000023 x (somma 3 pliche2)) – (0.0001392 x età)

%FM = (495/Densità corporea) – 450

tabella GIMA con link per conoscere la guida completa

In base ai risultati ottenuti potrai capire se la tua % di grasso corporea si trovi nella media, sopra o sotto tali valori. Ovviamente ti consiglio di seguire la tabella di riferimento che troverai all’interno della guida del prodotto che stai utilizzando o dell’app, nel caso in cui la tua scelta ricadesse su un prodotto più tecnologico…che sarà tra le prossime due scelte proposte in questo articolo.

Abbiamo visto come usarlo, abbiamo capito come sfruttare al meglio la precisione, ora non ci rimane far altro che conoscerne i costi.

Miglior plicometro 2020, professionalità e tecnologia.

Non so’ tu, ma io sono fissato per tutto ciò che è HI TECH. Ma spesso mi rendo conto che non è importante avere solo un bel display per essere soddisfatti, anzi.

In questi due modelli troviamo l’affidabilità e la professionalità del TORNIO e del CALIBRO mentre nell’altro l’affidabilità tedesca ed un APP dedicata che ci fa tutti i calcoli e ci mostra le zone di applicazione.

QUALE SCEGLIERE? BELLA DOMANDA.

Per rispetto, partiamo dal plicometro migliore in assoluto in termini di storia e di misurazioni: PLICOMETRO PROFESSIONALE.

Insomma, andiamo a dare una spolverata a questo plicometro brevettato negli anni ’60, uno strumento di precisione progettato per l’utilizzo nell’esecuzione di misure di spessore dello Skinfold (da cui le stime di grasso corporeo sono derivati).
L’uso di questo strumento è stato ben stabilito e documentato negli ultimi 40 anni. Progettato nel 1958 in collaborazione con D. J. M. Tanner, in grado di effettuare la misurazione del grasso corporeo.
La pinza di Harpenden Skinfold è stata utilizzata in tutto il mondo sui progetti di importanza internazionale ed è la pinza più prestigiosa disponibile.
INSOMMA IL TOP, PER MATERIALI STORIA E PRECISIONE. Ma richiede un alto livello di professionalità.

La consiglio a chi è un professionista, ed ha voglia di sfruttare misurazioni dettagliate e precise.

Spazio alla TECNOLOGIA

Il modello in questione è della EAGLEFIT, ed è un plicometro tedesco, con un app che fa tutto il “lavoro sporco”.

Consiglio questo modello se non sei un amante dei fogli di carta, preferisci avere tutto a “portate di pollice” ed ami la tecnologi applicata al fitness. Insomma, non ti rimane che provare questo eccezionale plicometro.

Il plicomentro EAGLEFIT ha un difetto, forse l’unico che ci auguriamo venga risolto presto, ovvero l’app è solo in TEDESCO ed INGLESE.

Personalmente lo prenderei come un motivo in più per studiare l’inglese, anche perchè alla fine ogni immagine è eloquente del punto di pinzata e l’inserimento dei dati è solamente numerico.

Conclusione

Il plicometro ha i suoi limiti, ma possiede anche alcune virtù. Quelle virtù, a parer mio sono percepite in maggior modo dai professionisti del settore fitness e salute che da quando hanno scoperto BIA, BILANCE DIGITALI ed ECOGRAFI per la misurazione del grasso ne stanno, in molti, facendo a meno.

Il mio consiglio è l’opzione economica, della GIMA, perchè rappresenta per l’utilizzo domestico una buon compromesso e permette al “budget” di dirigersi su bilance impedenziometriche ben più adeguate alle vostre richieste di misurazioni.

SE HAI LETTO LA NOSTRA GUIDA, e ti è tornata utile, concedici la tua miglior mail per non perderti i prossimi programmi da seguire per una corretta ELETTROSTIMOLAZIONE con WKT FITNESS!

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0