COME MISURARE LA MASSA GRASSA

Senza troppi giri di parole, possiamo dividere il grasso in due grandi famiglie, quello PRIMARIO ossia quello utile all’assorbimento di vitamine, alle principali dinamiche ormonali e soprattutto a rivestire organi; poi c’è il grasso di deposito, accumulato nel TESSUTO ADIPOSO, principale riserva energetica dell’organismo; si trova soprattutto a livello sottocutaneo, ma anche in sede viscerale (la proporzione tra i due varia in funzione di età, sesso, etnia e stato di forma fisica). I valori normali si aggirano intorno al 12%.

Considerando il fatto che la donna, per sua conformazione e “forme” dispone di maggiori riserve di grasso (vedi SENO, FIANCHI E BRACCIA) e di una quantità superiore di adipociti, è facile capire come per quest’ultime sia più semplice accumulare “riserva” rispetto al genere maschile.

A meno che, non ci si trovi di fronte ad una persona androgina, ovvero una donna con caratteristiche fisiche simili ad un uomo, esempio gambe affusolate, propensione ad accumulare grasso sulla pancia e seno quasi inesistente; mediamente la donna ha, parliamo in forma, una quantità di grasso superiore ad un uomo.

15/18% MASSA GRASSA per la DONNA (allenata) contro 12/14% MASSA GRASSA UOMO (allenato). Se non allenati, comunque normopeso ed in buona salute.

Quale strumento utilizzare per calcolare la massa grassa

Gli strumenti per misurare la massa grassa sono molti, ed alcuni anche discutibili, a parer mio, perché eccessivamente soggetti ad errore di misurazione (umano) e strumentale. Di conseguenza, vista l’epoca in cui viviamo, la scelta più corretta risiede nell’acquisto di una bilancia impedenziometrica.

questa è la mia preferita, ma potrai scoprirne altre nella sezione BILANCE DIGITALI.

Personalmente ne possiedo 4, oltre ai tanti modelli che ho testato in questi anni.

Oltre a questa nel tutorial del video, possiedo anche una ottima OMRON, Qui sotto potrai scegliere tra queste due, ed optare per quella che fa al caso tuo.

Tanita offre una precisione incredibile, OMRON è un ottimo strumento. La prima costa 199€ la seconda poco più di 90€. Ognuno ha un budget, ha delle pretese, io le ho entrambe perché come entry level ho considerato ottima la OMRON BF-511, ma poi ho preferito fare il salto di qualità con TANITA BC-545N e sfruttarla anche con il mio lavoro.

Ma ovviamente non è l’unico strumento per questo tipo di calcolo, tra i più noti annovero la: PLICOMETRIA e la misurazione delle CIRCONFERENZE.

Ne esistono, a dir la verità, anche altri, ma richiedono apparecchiature come ecografo e compagnia scientifica e di conseguenza ci limiteremo a ciò che possiamo utilizzare in casa o comunque in palestra.

Tra i plicometri, questi sono in assoluto i migliori. Il primo perché e’ MECCANICO, Professionale, insomma il TOP.
Il secondo, perché rappresenta la miglior qualità mista alla tecnologia.

Ne troverete le specifiche nell’articolo QUALE PLICOMETRO SCEGLIERE.

PLICOMETRO ProfessionalePlicometro BLUETOOTH

Per quello che riguarda la scelta del centimetro, un comune strumento da sarta è la soluzione ideale, potrai scoprire il modello che ho scelto per te cliccando QUI.

CONCLUSIONE

Come è facilmente deducibile dall’ordine in cui ti ho mostrato gli strumenti, è palese che io propenda per una buona bilancia digitale impedenziometrica. Ma non posso trascurare l’importanza di avere anche un plicometro, magari non iper-professionale, per conoscere su quale zona il grasso si stia depositando maggiormente. Senza dubbio non considero l’utilizzo del centimetro come metodo valido, in quanto eccessivamente soggetto ad errore umano e strumentale per via della difficle “precisione” nel beccare più volte lo stesso punto di misurazione.

SE HAI LETTO LA NOSTRA GUIDA, e ti è tornata utile, concedici la tua miglior mail per non perdere le prossime recensioni di prodotti per ALLENARSI & STARE IN FORMA con WKT FITNESS!

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0